55 anni tra pochi giorni, lunedì scorso la mia prima lezione di yoga.
No, non fa per me, mi ripetevo.
No, non sono affatto portata per questo genere di cose, rispondevo a chi mi sollecitava.
Uno scudo di diffidenza, di ignoranza, di timori.
Non so valutare la mia prestazione, non credo di aver svolto gli esercizi nel modo giusto, non so dove stia di casa la coordinazione nè tantomeno l’equilibrio, non ho capito bene come trasformare il mio corpo in un vaso che si vada via via riempiendo e svuotando di respiri; ma una cosa la so per certa, durante l’ora trascorsa cullata dal suono della voce della nostra insegnante, la mia mente, che io mi immagino sempre come un luuungo e altissimo schedario, composto da mille cassetti pronti ad aprirsi e quasi mai a chiudersi al mio passaggio, mi è apparsa come un lago, circondato da un manto di muschio morbido al tatto, silenzioso, finalmente placato.
Grazie Nati.
Con tutto il cuore, grazie.

dav

Bibi

Author Bibi

More posts by Bibi